Mangiare fuori … coi bambini

Andare a mangiare fuori coi bambini, soprattutto nel nostro paese, non è particolarmente semplice. Quando i nostri figli raggiungono una certa età infatti, come è giusto che sia, sono particolarmente vivaci e, non infastidire le altre persone presenti in sala potrebbe essere una vera impresa.

Se in altri paesi vi è una certa elasticità sotto questo punto di vista, l’Italia si dimostra piuttosto fredda. Ciò non significa che sia impossibile andare al ristorante con i propri figli, anzi.

Proprio per spingere le famiglie ad andare a mangiare fuori, diversi locali hanno proposto una promozione bambini maggio giugno 2021. Si tratta di un’iniziativa lodevole che va a portare sconti a chi si reca con i propri figli presso un ristorante.

Mangiare fuori coi bambini: missione impossibile… o forse no?

Molto dipende dal bambino e dall’approccio che lo stesso ha con il ristorante. I suoi ritmi, sono sicuramente diversi rispetto a quelli di un adulto. Dunque, come fare?

Intanto è bene scegliere locali relativamente attrezzati e propensi verso ospitare dei clienti particolarmente “giovani”. Oltre alle suddette promozioni, vi sono ristoranti che offrono disegni da colorare, seggioloni e altri strumenti utili allo scopo.

In tal senso poi, è bene procurarsi di colori, qualche gioco, o soluzioni simili per intrattenere i bambini. Mantenere impegnati i propri figli infatti, è un modo per far coincidere le necessità degli adulti con le loro, senza capricci, pianti o simili problemi.

Il bambino va gradualmente abituato all’ambiente del ristorante. Qui infatti, oltre a dover rispettare i tempi degli adulti, ha a che fare con tantissimi stimoli che lo rendono particolarmente nervoso.

Un modo per abituare il bambino ai “tempi” di ristoranti e pizzerie è coinvolgerlo in cucina, quando si è a casa, nella preparazione delle pietanze. La pizza, ad esempio, per quanto piatto semplice e tradizionale, prevede una lunga ed elaborata procedura, dall’impasto (qui ad esempio la ricetta dell’impasto per la pizza passo dopo passo). Quando il vostro figlio avrà compreso quelli che sono i tempi di una cucina, sarà più facile per lui accettare quelle che a volte sono attese psicologicamente insostenibili 🙂

Dunque, un approccio tranquillo e soft, magari cominciando con lo scegliere ambienti più tranquilli, potrebbe aiutare i bambini ad abituarsi a un contesto del genere.

In conclusione

Mangiare fuori coi bambini può essere un’impresa ardua… ma non impossibile. Molto dipende dal carattere del piccolo e dalla nostra elasticità. Un adattamento graduale, con l’aiuto di un disegno da colorare o di qualche gioco che possa far sentire i figli a proprio agio, è un ottimo primo passo per rendere lo stesso abituato a questo ambiente così particolare.